Chi siamo

Nel 1986, da un piccolo gruppo di ricerca clinica, nasce l’Associazione Psicologi e Medici, APM, che poi diviene un’equipe multidisciplinare esperta nella cura, prevenzione e formazione nel campo delle dipendenze. L’Associazione Psicologi e Medici non ha fine di lucro; è una Onlus sin dall’atto della sua fondazione. Il nome attuale APM-Heolo viene assunto dall’Associazione nel 1996 come risultato dell’integrazione dell’Associazione Psicologi e Medici (APM) con il Comitato Heolo.

Ideatrice di questa iniziativa è la dott.ssa Diana Perazza, psicologa, psicoanalista, esperta in Alcologia. Collaborano con lei, nella fase di fondazione, Alberto Bertollini, Paolo Perrotti e Giovanni Bonfiglio, illustri personalità della psichiatria e della psicoanalisi italiana. Sin dai primi anni, un impulso decisivo per l’orientamento delle attività di volontariato, svolte dall’associazione nel campo della prevenzione e della salute, viene dato dal Dr. Giampaolo Nicolai che, in quegli anni, si laurea brillantemente in Medicina e si specializza in Igiene. Nicolai è stato fondatore e presidente del Comitato Heolo.

Il Comitato Heolo è un comitato scientifico, per lo studio e per l’intervento medico e psicologico in ogni tipo di emergenza. In primo luogo, riguardo alle catastrofi ambientali, come terremoti e altre calamità; ma, contemporaneamente, nell’ambito delle emergenze sociali, come le tossicodipendenze e l’alcolismo.

Tra le importanti iniziative condotte dal Dr. Nicolai vanno segnalate le attività svolte:

  • per varie organizzazioni internazionali, quali quelle con il Centro di Collaborazione OMS/FAO per la Ricerca e la Formazione nella Sanità Pubblica e Veterinaria. In questo caso merita un particolare riferimento lo sviluppo di un Piano sperimentale per la riabilitazione dei tossicodipendenti attraverso l’addestramento di animali, con la metodologia della Pet-Therapy, all’epoca innovativa in Italia;

  • per le ambasciate di vari Paesi (Turchia, Malta, Egitto, Grecia, Spagna, ecc.), producendo rilevanti studi innovativi, a livello internazionale, sulle cause e i trattamenti per contrastare il fenomeno dell’alcolismo;

  • per diverse organizzazioni nazionali volte alla prevenzione dell’alcolismo, nell’ambito di attività lavorative e professionali che includono responsabilità per l’incolumità delle persone. Rilevanti, in quest’ambito sono i progetti di Nicolai svolti su incarico dell’Alitalia e di altre società ferroviarie e di trasporto urbano.

La precoce scomparsa del Dr. Nicolai, pur rappresentando una grave perdita, ha costituito comunque uno stimolo per proseguire l’attività clinica e di ricerca. Ciò è avvenuto, in primo luogo, nel lavoro dell’Associazione APM-Heolo, il cui interesse è rimasto centrato sugli aspetti psicologico-clinici. Contemporaneamente, l’università di Pisa ha costituito una apposita Fondazione denominata “Istituto internazionale di psicologia dell’emergenza Giampaolo Nicolai”, per proseguire il progetto che egli aveva avanzato, nel campo delle emergenze.

Fin dall’atto della sua nascita, l’associazione APM-Heolo ha posto particolare attenzione alle varie forme di dipendenza patologica:

  • Alcolismo (Dipendenza da Alcool e familiari di alcolisti)
  • Dipendenza affettiva
  • Tossicodipendenza
  • New Addiction: Dipendenza da Internet, Hikikomori
  • Dipendenza dal Gioco d’azzardo
  • Dipendenza sessuale e disturbi sessuali
  • Disturbi delle condotte alimentari (anoressia e bulimia)
  • Disturbi di ansia e di Depressione
  • Attacchi di Panico
  • Disturbi della personalità

Per i contesti complessi in cui opera, l’APM-Heolo si contraddistingue per l’impostazione metodologica dei servizi offerti alla collettività. Ogni intervento tiene, preliminarmente, conto del contesto socio-sanitario del territorio ed è eseguito in chiave multidisciplinare. Il nucleo operativo permanente è composto da psicologi e medici. Tuttavia, un ampio spettro di figure professionali (Biologi, esperti d’informatica, esperti in comunicazione e programmazione sanitaria, sociologi, assistenti sociali, infermieri.) arricchisce l’associazione e assume rilevanza strategica sia nel momento della diagnosi, sia nell’elaborazione di un piano d’intervento e anche nel momento della realizzazione operativa.  Tutti gli operatori e i collaboratori mettono a disposizione, in forma gratuita, le loro competenze. L’APM-Heolo collabora con i gruppi di auto-aiuto Alcolisti Anonimi e Al-Anon. Inoltre, è in contatto con tutti i gruppi che seguono la metodologia dei 12 passi: CODA (per le dipendenze affettive), OA (per i mangiatori compulsivi) e con i gruppi per le dipendenze dal gioco d’azzardo. La collaborazione è sancita da un documento costituito, sin dai primi anni dell’associazione, per cui molti membri di questi gruppi, spesso, si rendono disponibili nel riportare la loro esperienza all’interno di interventi programmati dall’APM-Heolo. Valgano come esempio, i seminari formativi all’interno della sede, oppure gli interventi di prevenzione nelle scuole. I soci dell’associazione sono, spesso, presenti nelle riunioni dei gruppi di auto-aiuto o nei raduni nazionali che i gruppi stessi organizzano annualmente, apportando un proprio contributo scientifico.

Il lavoro della D.ssa Perazza, responsabile clinica dell’associazione e psicoanalista della Società Psicoanalitica Italiana, può ritenersi pionieristico nell’ambito dell’alcolismo, avendo ella sperimentato con successo la presa in carico e la terapia di pazienti alcolisti tradizionalmente ritenuti non trattabili dalla psicoanalisi classica. La dott.ssa Perazza è stata dirigente del servizio di alcologia dell’ASL RM/E: è psicoanalista della Società Psicoanalitica Italiana e, nell’APM-Heolo, oltre ad occuparsi della parte clinica, ha il ruolo di vice-segretario.

La Dott.ssa Perazza, inoltre, ha dato un importante contributo scientifico alla letteratura relativa all’alcolismo, dal punto di vista psicoanalitico, delineando, in particolare, il profilo psicodinamico della personalità dell’alcolista e il tipo di struttura psicopatologica sottostante. Ciò in significativi scritti come La realtà del povero bevitore (1994) e Aspetti psicologici e psicodinamici dell’alcolismo (2000), per citarne alcuni.

L’Associazione Psicologi e Medici è composta dai soci e dai collaboratori di seguito elencati:

  • Segretario generale dell’associazione

Dott. David Capuzzi

  • Responsabile dell’attività clinica:

Dott.ssa Diana Perazza

  • Responsabile dell’attività scientifica:

Dott. Alberto Angelini

Soci:

  • Dott.ssa Flavia Alù
  • Dott.ssa Beatrice Cantarini
  • Dott.ssa Ilaria Consolo
  • Dott.ssa Eleonora Deiana
  • Dott.ssa Mariasole Galassi
  • Dott. Marco Guadalupi
  • Dott. Stefano Meini
  • Dott.ssa Joanna Okulska
  • Dott.ssa Adriana Paccoi
  • Dott. Gabriele Ronco
  • Dott.ssa Francesca Rosati
  • Dott. Paolo Spitaleri
  • Dott.ssa Elisa Taverniti
  • Dott. Bruno Valenti
  • Dott.ssa Annamaria Veneziani

Soci Collaboratori:

  • Dott. Gianluigi Biava (Cardiologo – IRCCS L. Spallanzani)
  • Dott. Alessandro Boldrini (Psichiatra – Dirigente Dipartimento Salute Mentale ASL RM/E)
  • Dott. Paolo Cruciani (Psicoanalista S.P.I. – Docente di Psicologia Clinica Università “La Sapienza” e Università Lumsa – Roma)
  • Dott. Furio De Persis (Psichiatra, Psicoterapeuta)
  • Dott. Marco Longo (Psicologo Clinico – Psicoanalista S.P.I. – Analista di Gruppo IIPG e COIRAG – Direttore di Psychomedia.it)
  • Dott.ssa Paola Malvenuto (Docente di Lettere)
  • Dott. Raffaello Rosati (Docente Istituto di Medicina Legale – Università “La Sapienza” – Roma)
  • Dott. Fabio Vacchini (Neuropsichiatra, Psicoanalista)

Comitato scientifico:

dott.sa Diana Perazza, prof. Luigi Janiri, prof. Mario Rossi Monti, prof. Paolo Cruciani, dott. Alberto Angelini.